Contenuto riservato agli abbonati

A fuoco cassonetti e un’auto in piazza Capitaniato a Padova: baristi rischiano il processo

I due, dipendenti di un bar in piazza dei Signori, sono accusati di incendio colposo. Avevano gettato nel “secco” i residui incandescenti dei funghi riscaldanti

PADOVA. Avevano scaricato nei cassonetti dell’immondizia destinati al “secco”, installati di piazza Capitaniato, i residui incandescenti dei funghi riscaldanti alimentati a pellet, quei generatori di calore installati all’esterno dei locali per proteggere dal freddo i clienti che preferiscono anche d’inverno stare all’aperto.

Il risultato? Un incendio dei cassonetti che, in un’occasione, si è allargato bruciando anche un’auto in sosta. Già perchè quella genialata di gettare tra i rifiuti del secco quegli scarti, ancora con il fuoco dentro, non è stata solo la pensata di una volta, ma si è verificata in due occasioni a sei giorni di distanza.

Video del giorno

Montalcino, il 'Sì' di Francesca Pascale e Paola Turci: "È una cosa meravigliosa"

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi