Padova, vigilante Mondialpol punta la pistola contro un passante che lo rimprovera

Il furgone della società era fermo sulle strisce, l’addetto al volante ha reagito ai rimbrotti mettendo mano alla fondina. La società, avvisata, ha preso provvedimenti

PADOVA. Rimproverato per aver parcheggiato il furgone sulle strisce pedonali, un vigilante della Mondialpol seduto al volante del mezzo ha estratto la pistola e l'ha puntata contro l'uomo che gli stava facendo notare l'infrazione.

Il fatto, al quale hanno assistito il personale dell'ufficio Adl Cobas che è lì davanti, e il consigliere comunale del Pd, Nereo Tiso, che transitava in bici proprio in quel momento, oltre ad altri passanti, è avvenuto intorno alle 12.30 di giovedì 26 maggio ai piedi del cavalcavia Borgomagno, all'incrocio fra via Toti e via Buonarroti.

Il furgone di Mondialpol era in sosta fra gli archetti verdi che delimitano il passaggio ciclabile e pedonale e la sua presenza di fatto impediva di attraversare l'incrocio sulle strisce. Un uomo di passaggio, con una bici portata a mano - e due seggiolini che facevano intuire che solitamente trasporta bambini piccoli - ha rimproverato il conducente del furgone. 

La parte finale della lite

Padova, intimano al vigilantes dopo la lite: "Scendi senza pistola"

"L'ha fatto con garbo, chiedendogli di spostarsi", racconta una sindacalista di Adl Cobas, che ha assistito alla scena. Ma il vigilante gli ha risposto intimandogli di stare zitto, poi ha estratto la pistola dalla fondina e gliel'ha puntata contro. "Quell'altro si è spaventato, ha fatto qualche passo indietro e poi ha sfidato il vigilante a scendere dal furgone", racconta ancora la sindacalista. "Ne è nato il più classico dei litigi, se non fosse che il vigilante aveva una pistola in mano e questo ha accentuato la tensione".

Proprio in quel momento è passato in bici, tra il furgone e l'uomo, il consigliere comunale del Pd Nereo Tiso, che si è fermato, ha cercato di calmare gli animi e poi ha chiamato la polizia locale. "Al mio arrivo", racconta Tiso che ieri ha ripercorso tutta la vicenda in una lettera inviata a Mondialpol, "l'autista stava riponendo l’arma, in maniera assolutamente evidente, nella fondina. Ho cercato di calmare gli animi, anche perché il ragazzo era molto agitato cercando di far capire all'autista di spostarsi. Tra l’altro anch’io in bicicletta ho dovuto scendere sulla strada per superare il furgone. La risposta è stata di gesti non proprio gentili nei miei confronti senza, naturalmente, che il furgone venisse spostato di un millimetro. Dopo qualche istante è arrivato un altro vigilante che aveva ritirato un pacco dalla vicina Cassa di Risparmio. Collega che, assieme all’altra persona all’interno del furgone, ha cominciato ad usare nei miei confronti, visti i gesti, termini credo non gentili. Naturalmente i finestrini a quel punto erano chiusi e quindi non sono riuscito a cogliere le parole, ma i gesti erano eloquenti".

Il furgone è ripartito ma la vicenda non si è chiusa lì. Tiso ha scritto alla azienda per segnalare il grave episodio: "Credo che all’interno di Mondialpol esistano delle regole d’ingaggio chiare", ha scritto. "Penso che l’uso della pistola o solo la sua estrazione dalla fondina debba essere fatta solo in caso di minaccia grave. Non certo per minacciare, impaurire o, peggio, scherzare. In quel momento non c’era certo una minaccia: il ragazzo aveva una bici con due passeggini per bambini piccoli e non portava con sé alcuno strumento offensivo e nemmeno era aggressivo ma solo terrorizzato dal vostro dipendente. Ritengo che nessuno in alcun modo, possa minacciare in forza del possesso di un arma tanto meno chi, l’arma, la possiede, non la usa, per lavoro". L'azienda, contattata nel pomeriggio, ha fatto sapere che "sono già stati presi provvedimenti nei confronti del vigilante", aggiungendo che "sarà valutata la scelta della vostra testata di raccontare questa vicenda". Una minaccia in più, per chiudere in bellezza.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Crollo ghiacciaio Marmolada, continuano le ricerche dei dispersi: le immagini dal drone

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi