Contenuto riservato agli abbonati

Fiumi, continua l’emergenza siccità nel Padovano. Acqua razionalizzata per l’irrigazione. Ecco la situazione

Il Castello di Borgoforte riaffiorato nell’Adige a causa della siccità ad Anguillara (Foto Emanuele Cusin)

I Consorzi di Bonifica corrono ai ripari dopo l’ordinanza di Zaia. L’Adige per ora va in soccorso, scorte insufficienti. La preoccupazione degli agricoltori

PADOVA. La siccità non concede tregua, solo nei giorni scorsi la pioggia ha dissetato la pianura e rimpinguato i corsi d’acqua. Ma non basterà: i fiumi sono ai livelli minimi, in montagna la poca neve rimasta si scioglierà rapidamente, le falde sono scariche e i canali irrigui rischiano di svuotarsi rapidamente. L’arrivo del caldo complicherà una situazione già difficile, costringendo a razionalizzare l’acqua per l’irrigazione.

POCHISSIMA