Contenuto riservato agli abbonati

Denunciarono la preside a Padova, genitori no mask rischiano di finire a processo per calunnia

La dirigente scolastica Concetta Ferraro alla guida dell’Istituto comprensivo

La preside aveva previsto la dad per il figlio in assenza di un regolare certificato di esonero. Sotto inchiesta quattro medici

PADOVA. Genitori no mask, ovvero contrari all’uso della mascherina, avevano denunciato l’allora preside reggente dell’Istituto comprensivo Petrarca, Concetta Ferrara, con il vice Roberto Vigliotti e il coordinatore di classe Domenico Barbuto per violenza privata, maltrattamenti e altri reati.

Il motivo? La coppia sosteneva che il figlio avrebbe dovuto essere esonerato dall’uso della mascherina per motivi di salute (difficoltà respiratorie): la preside non aveva riammesso a scuola “in presenza” il ragazzino in quanto privo di un dispositivo di protezione idoneo (una semplice visiera), prevedendo per lui la Dad (la didattica a distanza).

Video del giorno

Lignano, il balletto dei fan dei Maneskin: Damiano e Victoria escono dalle prove per vederlo

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi