Ucraina. Primi profughi anche a Padova: una famiglia alla “Casa a colori”

Una famiglia arrivata da Kiev aiutata dall’ex direttore generale di Aps Antonio Conte: “Ma serve un tavolo per l’accoglienza”

PADOVA. Stanno arrivando anche a Padova i primi profughi che hanno lasciato l'Ucraina per raggiungere parenti e amici più stretti che vivono in tutta Europa ed in particolare in Italia. Pochi giorni fa una famiglia intera, che abitava a Kiev, formata da un professionista del settore delle telecomunicazioni, da un'impiegata amministrativa molto nota nella comunità italiana che vive nella capitale dell'Ucraina e da due figli ancora minorenni, sono arrivati a Padova e hanno ricevuto ospitalità da una famiglia padovana, in cui la moglie ha origini ucraine.

La famiglia di Kiev è arrivata in Italia, esattamente a Roma, con uno degli ultimi voli prima della chiusura dello spazio aereo sopra la capitale dell'Ucraina. Una volta a Roma hanno proseguito il viaggio sino a Padova in auto. Adesso stanno per trovare alloggio in una camera con quattro letti della “Casa a Colori”, in via del Commissario, in zona Quattro Martiri.

La vicenda viene seguita, con una profonda partecipazione emotiva, anche da Antonio Mario Conte, ex direttore generale di Aps Holding: "Chi scappa dalla guerra deve essere aiutato i tutti i modi – raccont – Si tratta di professionisti che, nei rispettivi settori, hanno delle ottime competenze di alto profilo. Sto già cercando di trovare un nuovo lavoro ad entrambi e d'individuare una nuova scuola per i due figli. La famiglia arrivata da Kiev non sarà l'ultima. Invito le istituzioni ad istituire un tavolo di solidarietà per tutti i profughi che arriveranno nelle prossime settimane, sperando, naturalmente, che le sorde sirene che annunciano l'arrivo delle bombe possano cessare prima possibile".

Intanto, almeno per il momento, anche a Padova, sono sospesi i collegamenti per le città dell'Ucraina a bordo dei bus internazionali. Tanti i profughi che vanno prima a Budapest/Keleti e dopo prendono i bus della compagnia Flixbus, tenendo presente, però, che, in queste ore, il governo ucraino permette l'esodo solo ai minori di 18 anni ed agli anziani. Gli altri sono chiamati alle armi.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Le immagini della spettacolare danza nel vuoto tra le pareti delle Dolomiti

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi