Contenuto riservato agli abbonati

Peste suina sui Colli e nella Bassa padovana. «Ora misure immediate. I cinghiali possono diffonderla»

Cinghiali nell’area del Parco Colli

Confagricoltura, Cia e Parco Colli preoccupati: «L’infezione può arrivare dopo Liguria e Piemonte»

ESTE. Si teme che la presenza nell’area del Parco Colli di almeno 10 mila cinghiali possa favorire il diffondersi della peste suina africana, con effetti catastrofici per i circa 2. 000 allevamenti di suini presenti nella provincia di Padova, 320 dei quali di grosse dimensioni con circa 105 mila capi allevati ogni anno, per una produzione di carne che nel 2020 è stata stimata in oltre 24 mila tonnellate.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Padova, Collovati ai funerali di Di Marzio: "Ho perso un amico, un maestro di vita"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi