Contenuto riservato agli abbonati

Aviaria, ok del Ministero per ripopolare gli allevamenti della Bassa Padovana

Un controllo in un allevamento

Dopo due mesi di abbattimenti riprende l’attività in una quarantina di comuni. Ad oggi sono 41 gli episodi registrati in provincia: danni per decine di milioni

ESTE. Influenza aviaria, dopo oltre due mesi di contagi e abbattimenti di milioni di capi arrivano i primi provvedimenti per la ripresa dell’allevamento nelle zone più lontane dai focolai.

Si tratta di un’area che comprende una quarantina di comuni padovani, mentre vengono confermare le restrizioni per la zona di Este e Montagnana. Intanto le organizzazioni di categoria agricole chiedono alla Regione il riconoscimento dello stato di calamità in modo da poter attivare le forme di aiuto per il settore.

LA

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Metropolis/ 8, Sileri: "Entreremo tutti a contatto con Omicron, a febbraio allentamento delle misure"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi