Contenuto riservato agli abbonati

Giovane macellaio muore nell’incendio della sua casa, il dolore della mamma e della fidanzata: «Non dovevi morire così»

La compagna è stata la prima a soccorrere Alessandro Paronitti, alle 8 di mattina. Era impegnato alla “Bottega della carne”, amava il ciclismo

CURTAROLO. La fidanzata non riesce a lasciare andare la bara che custodisce il corpo senza vita del compagno. Gli grida: «Ti amo tanto. Io ci ho provato». La madre urla ripetutamente il nome del figlio: «Alessandro, Alessandro, non dovevi morire così. Non si può morire per scaldarsi col phon». È una scena straziante quella delle due donne più legate ad Alessandro Paronitti, che si vedono costrette a staccarsi da lui, a lasciarlo andare in una bara gelida, anonima.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Quirinale, Casellati 'distratta' dal cellulare, Fico è costretto a rallentare lo spoglio

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi