Contenuto riservato agli abbonati

Overdose, aperta un’inchiesta: sparito il cellulare di Nicolò

Affidato al medico legale Cirnelli l’incarico per l’autopsia sul corpo del 19enne trovato morto in un capannone a Padova.  Ora è caccia al fornitore della droga letale. Una notte tra crack ed eroina

PADOVA. Ora è caccia allo spacciatore (ma il termine potrebbe essere anche al plurale) che ha venduto la dose mortale di droga a Denis Nicolò Artusi, il 19enne veneziano di Pianiga trovato morto in un capannone abbandonato in via Fra Paolo Sarpi, a due passi dal centro, dopo una sospetta overdose di crack ed eroina. Il pubblico ministero padovano Sergio Dini ha aperto un’inchiesta al momento senza indagati.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Padova, Collovati ai funerali di Di Marzio: "Ho perso un amico, un maestro di vita"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi