Contenuto riservato agli abbonati

«I nostri figli sono andati all’estero e noi accogliamo richiedenti asilo»

Padova, unico comune italiano, sperimenta il progetto “Embracin” sul modello creato da Calò

PADOVA. Si può fare e infatti si fa. Le porte si aprono, famiglie abbracciano nuovi figli o fratelli più che ospiti e si colorano. L’accoglienza non è più gentilezza ma fratellanza, diventa accompagnamento, realizza l’integrazione. Il progetto è europeo e si chiama Embracin, Padova è l’unico comune italiano a sperimentarlo: tre rifugiati sono già stati inseriti in famiglie che a loro volta hanno visto i propri figli trasferirsi all’estero, dunque emigrare; altri cinque saranno accolti molto presto.

Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Padova, Collovati ai funerali di Di Marzio: "Ho perso un amico, un maestro di vita"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi