Padova si colora di rosso per fermare la violenza sulle donne

Dalle panchine agli edifici illuminati, tutte le iniziative della città nella giornata del 25 novembre 

PADOVA. Un giorno per ricordare che non si deve dimenticare. Mai. Sono state molte le iniziative che hanno segnato questo 25 novembre 2021, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Le  assessore Marta Nalin e Chiara Gallani hanno presenziato all’installazione di una simbolica panchina rossa al Parco Iris: «Quest’anno i casi di femminicidio sono stati più di cento. La violenza di genere è un dramma che si consuma all’interno di molte famiglie, dietro le porte chiuse delle case, sotto un tetto fisico, ma allo scoperto dalla testimonianza e dal supporto della comunità – dichiara Marta Nalin – Con questa, a oggi sono nove le panchine rosse presenti nei parchi e nelle piazze della nostra città per ricordare le donne che non ce l’hanno fatta, ma anche quelle che possono ancora uscire da questo tunnel di schiavitù e sofferenza».

Il Liceo Scientifico Curiel, con la collaborazione del Progetto Giovani del Comune di Padova, ha organizzato un incontro dedicato per riflettere sulle molteplici forme che la violenza può assumere e per informare sulle misure di prevenzione e intervento adottate dallo Stato. All’evento hanno partecipato il sindaco di Padova, Sergio Giordani, il presidente della Provincia di Padova, Fabio Bui, il provveditore agli studi delle province di Padova e Rovigo, Roberto Natale, il prefetto Raffaele Grassi e il questore Antonio Sbordone.

Giornata contro la violenza sulle donne

Le vittime dell’ultimo anno sono poi state ricordate, nome per nome, dalla presidente della commissione pari opportunità Luciana Sergiacomi  di fronte alla targa recante la scritta “In memoria di tutte le donne morte per mano di chi diceva di amarle: perché le loro storie non affondino nel silenzio, ma risveglino coscienza e civiltà” affissa esattamente un anno fa a Palazzo Moroni. Il Comune ha poi deciso di aderire alla campagna nazionale "Posto occupato" esponendo in ogni sede comunale (Palazzo Moroni, Palazzi Gozzi e Sarpi, sedi dei Quartieri, Centro Culturale Altinate/San Gaetano) alcune sedie con un drappo rosso e un volantino informativo della campagna, in ricordo delle donne che non possono più essere al loro posto perché vittime di violenza e di uccisioni.

Giornata mondiale contro violenza sulle donne: caserma carabinieri Padova colorata di rosso

E sempre di rosso vengono  illuminate la caserma dei carabinieri e la Torre degli Anziani. Molti poi i gazebo informativi (allestiti dalla Federazione delle Donne per la pace nel mondo, dal Centro Veneto Progetti Donna, dal Centro Antiviolenza e dalla Croce Rossa Italiana) presenti questo pomeriggio nelle piazze del centro storico per fornire contatti e riferimenti. Alle 16.30 sarà la volta la Cgil, in collaborazione con le associazioni Senonoraquando, Rete degli studenti medi, Unione degli universitari, Centro veneto progetti donna e Democratiche realizzerà un flash mob all’angolo tra via Risorgimento angolo via S. Lucia. In fine domenica pomeriggio alle 17.30, al Centro Culturale San Gaetano si terrà lo spettacolo “Donne sull’orlo”.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Mapelli, rettrice dell'università di Padova: ecco i due nostri progettti in area Piovego

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi