Contenuto riservato agli abbonati

Tra dad, isolamento e attacchi di panico: Covid, il grave disagio dei ragazzi. E a Padova è boom di ricoveri

La neuropsichiatra infantile: oltre il 90% delle ospedalizzazioni in emergenza. Impennata anche delle visite ambulatoriali: 1.750 nei primi sei mesi di quest’anno

PADOVA. Autolesionismo, disordini alimentari gravi, ma anche attacchi di panico e disturbi del comportamento. Sono gli effetti della pandemia sulla salute mentale dei giovani che nel lungo periodo di Dad a singhiozzo e isolamento, hanno dovuto fare i conti con l’acuirsi di fragilità spesso latenti che si è concretizzato in un boom di ricoveri nel reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’Azienda Ospedale Università – che segue i ragazzi fino a 18 anni –, diretto dalla professoressa Michela Gatta.

Complessivamente,