Contenuto riservato agli abbonati

Colpo di scena a Fontaniva. Le ossa dell’altare non sono del Beato Bertrando venerato da 600 anni, ma di due donne

La traslazione delle ossa

L’analisi del Dna attribuisce le spoglie a due donne. La scoperta a pochi mesi dai sei secoli di devozione popolare

FONTANIVA. Colpo di scena a Fontaniva, le ossa custodite nell’altare della parrocchiale appartengono a due donne e non al Beato Bertrando: le analisi del Dna e con il carbonio 14 – avviate lo scorso anno in vista del Giubileo – non lasciano spazio a dubbi. Il Beato morì nel 1221, ma le ossa poste nella cassa vanno dal 1030 al 1170 e sono riconducibili a persone del gentil sesso.

Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Prostituzione e violenze sessuali, sgominata a Bologna banda che reclutava giovani ragazze albanesi

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi