A Montagnana Frigo e Lovato per il centrodestra e Vanni a sinistra

Tutti i candidati hanno esperienza politica e amministrativa Gli elettori sono in tutto 7.750 e si vota in 8 sezioni  

MONTAGNANA

Due liste di centrodestra e una di centrosinistra: è con questa proposta che Montagnana si appresta ad eleggere il nuovo sindaco, con i cittadini che hanno la possibilità di scegliere tra i candidati Stefano Frigo (lista Montagnana per te–Frigo sindaco), Andrea Vanni (lista Montagnana a Colori per Andrea Vanni sindaco) e Gian Paolo Lovato (lista Montagnana Progetto Comune–Lovato sindaco).


Spetta a Frigo, 56 anni, nato e cresciuto a Montagnana, il compito di proseguire il lavoro svolto negli ultimi dieci anni da Loredana Borghesan, sindaco uscente. Consigliere comunale di maggioranza nell’attuale amministrazione, Frigo gode, oltre all’appoggio di Borghesan, anche del supporto di una parte del circolo Fratelli d’Italia di Montagnana, rappresentata dal presidente Savino Schiavo. «Mi trovo in un momento della mia vita in cui sono maturo per queste scelte e azioni» ha dichiarato il candidato» Ho l’energia giusta e molta voglia di fare. Quando mi hanno proposto di candidarmi ho accettato subito e molto volentieri». Nella continuità dell’amministrazione Borghesan, Frigo lavorerà su sanità, benessere sociale, lavoro, viabilità e sicurezza.

Unica bandiera del centrosinistra è Andrea Vanni, 40 anni, di Vighizzolo d’Este ma cresciuto nella città murata. Già sindaco di Vighizzolo fino al 2019, ora vuole portare la sua esperienza di sindaco anche nella cittadina che lo ha visto crescere. Conosciuto nell’ambito delle associazioni sportive, alla presentazione della sua candidatura Vanni ha commentato: «Sono onorato per la fiducia dimostrata da Montagnana a Colori. Ho accolto l’invito perché sono innamorato di Montagnana. Vedere la situazione di degrado di molte aree, la scarsa progettualità e la disgregazione sociale mi addolora molto». Vanni vuole investire in luoghi accoglienti per i cittadini, valorizzare famiglie e turismo, supportare giovani e imprese e tutelare anziani e ambiente.

L’altra voce del centrodestra è Gian Paolo Lovato, 67 anni, montagnanese. Medico di famiglia per trentanove anni nella cittadina murata, ora vuole dedicare il suo impegno alla vita politica. La sua lista è sostenuta da Lega, Forza Italia e dalla parte legata al vicepresidente di Fratelli d’Italia, Marco Favero. «Il mio più grande desiderio è quello di riportare Montagnana al suo ruolo di capofila in ambito territoriale, economico, turistico e culturale» il messaggio del candidato »Per raggiungere questo obiettivo era necessario trovare una squadra di persone competenti, ben radicate nel territorio e provenienti sia dal mondo giovanile che da quello professionale». Tra i punti cardine del suo programma si contano la sinergia con i Comuni vicini, maggiore attenzione verso il sociale e ampia collaborazione con i giovani. Nella cittadina si contano 7.750 persone con diritto di voto, 3.756 dei quali maschi e 3.994 femmine. Sono otto le sezioni. —



2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Cherchi: ex della Mala del Brenta invecchiati ma ancora molto pericolosi

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi