Contenuto riservato agli abbonati

La nonna pusher di Padova ci ricasca: le trovano la droga in casa e ritorna in carcere

Aveva eroina, cocaina, hashish in grosse quantità. Un po’ di tutto e ovviamente anche il necessario per confezionare le dosi

PADOVA. Quattro anni fa le avevano trovato in casa un chilo di cocaina che custodiva per conto di un pregiudicato tunisino. Condannata per spaccio, era riuscita a conquistarsi il beneficio dei domiciliari. Ma Erminia Ronchi, settant’anni, quell’attività fra le mura della casa Ater in cui vive proprio non riusciva a chiuderla. Così ha continuato a offrire ospitalità a carichi di droga in transito, fra grandi e piccoli spacciatori.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Il primo Airbus A340 atterra in Antartide, l'impresa epocale della Hi Fly apre la via del turismo

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi