Omicidio di Montecchio, il ritratto della vittima: Alessandra aveva 21 anni ed era innamorata della sua bimba

Una giovane donna che si affacciava alla vita con allegria e dolcezza, che cresceva con la sua piccola di due anni, fortemente voluta. Una famigliola giovane, unita e serena, così li descrivono i vicini di casa a Valdimolino, la frazione più piccola di Montecchio Maggiore. Alessandra e il compagno, Marco Ghiotto, erano andati a vivere nell’appartamento all’ultimo piano in uno stabile di contrà Viale solo un anno e mezzo prima

PADOVA. Alessandra “Ale” che fin da giovanissima voleva diventare mamma, Ale che aveva appena iniziato a lavorare come parrucchiera, Ale che sorrideva alla vita, Ale che adorava la sua bimba e seguiva passo passo la sua crescita. I sogni, le speranze e le aspettative di Alessandra Zorzin, che aveva solo 21 anni, sono state interrotte in maniera tragica ieri dalla mano dell’uomo che le ha sparato, Marco Turrin.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Vinitaly, Zanette (Prosecco Doc): "Ora vogliamo crescere in valore"

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi