Rc Auto, il Covid abbassa i prezzi Calo del 13%, risparmio di 50 euro

Gli assicuratori: il lungo periodo di restrizioni ha fatto diminuire gli incidenti, ecco perché adesso la copertura si paga meno



Meno auto sulle strade, meno incidenti, più liquidità nelle casse delle compagnie assicurative: il crollo dei prezzi delle Rc auto è servito. In provincia di Padova il prezzo medio di una polizza per la responsabilità civile di un’auto (al netto di ogni garanzia accessoria) negli ultimi 12 mesi è sceso del 12,82%. Vale a dire una media di oltre 50 euro ad automobilista, passando dai 429 euro dell’agosto 2020 ai 374 attuali. Lo ha rilevato il portale aggregatore “Facile.it”, sulla base di 173 mila preventivi effettuati nell’ultimo anno nella provincia euganea.


CALO DEI PREZZI NON LINEARE

A Padova città i prezzi sono leggermente più alti (ma sempre in netto calo), con una media di 402 euro. E il calo – che è relativo a una media tra tutte le polizze richieste, aggregando i dati di ogni tipo di auto, guidatore, e classe di merito, e che quindi difficilmente può essere riscontrato nel prezzo di una singola polizza – viene confermato anche dagli assicuratori del territorio. La spiegazione? La minore circolazione sulle strade delle auto, e quindi il minor numero di incidenti, e quindi ancora il minor numero di pagamenti effettuati dalle compagnie durante i mesi più duri di pandemia. E in effetti il calo dei prezzi, nell’ultimo anno, non è stato costante e lineare. Da gennaio 2021 a oggi i prezzi medi sono rimasti pressoché identici. Più che di un calo, insomma, si è trattato di un vero e proprio crollo dei prezzi registrato, nel giro di sei mesi, tra agosto 2020 e gennaio 2021, proprio in concomitanza con le chiusure dovute alla seconda ondata della pandemia. Un crollo che si evince anche dai dati nazionali: il prezzo medio di una Rc auto – sempre senza alcuna garanzia accessoria – in Italia, ad agosto 2020, era di 515 euro, mentre oggi si attesta intorno ai 456 euro. Il calo, insomma, è trasversale, e Padova continua ad attestarsi ben al di sotto del dato nazionale. Dato nazionale che, anche in questo caso, ha fatto registrare il calo più significativo in corrispondenza con la seconda ondata della pandemia in Italia.

L’OPINIONE DEGLI ASSICURATORI

«Siamo in una fase interlocutoria e stagnante, che beneficia ancora del calo dei prezzi registrato con le chiusure e i lockdown, ma che potrebbe non durare in eterno – spiega Gianluca Bagherini, assicuratore e componente dell’Esecutivo provinciale del sindacato Sna – Effettivamente c’è stato un ribasso con il primo lockdown e le chiusure in inverno per il Covid, perché le auto non circolavano, i sinistri erano molti meno e le compagnie sono riuscite a fare cassa. Appena dopo le riaperture la percentuale dei sinistri si è alzata di nuovo, ovviamente. E anzi, negli ultimi mesi, con il gran numero di eventi atmosferici straordinari verificatisi, i danni da risarcire per le compagnie sono stati molti. Insomma, siamo ancora in una fase intermedia, la situazione potrebbe presto cambiare».

I COMUNI PIù VANTAGGIOSI

I prezzi medi, secondo quanto rilevato da “Facile.it”, non sono per nulla uniformi in provincia. In assoluto, i comuni in cui si paga meno sono Grantorto e Agna (243 e 249 euro), mentre si va ben oltre la media a Piombino Dese (444 euro). Si superano, ma di pochi euro, i 400 anche a San Pietro in Gu, Tombolo, Galzignano Terme e Padova. Gli aggregatori online confrontano i prezzi disponibili online delle maggiori compagnie assicurative, ma lo sportello “fisico” continua a essere preferito: «Il settore dell’online non è mai veramente esploso – precisa Bagherini – Le agenzie sul territorio continuano ad avere un buon 70% dell’intermediariato». Anche tra le compagnie attive “offline” in provincia di Padova, però, i prezzi medi di una Rc auto si attestano tra i 350 e 370 euro, un dato più o meno in linea con quello regionale. Secondo i dati di “Facile.it”, è Venezia la provincia dove si paga di più (383 euro in media), mentre a Belluno si spendono circa 60 euro in meno. Prezzi medi, è bene precisarlo, non significa i prezzi effettivi della maggioranza degli assicurati, bensì la media, appunto, tra prezzi più bassi, e (molto) più alti. Paradossalmente, insomma, la stragrande maggioranza delle persone paga una cifra molto diversa dalla media, e proprio per questo la risultante è un ammontare che sta nel mezzo.

I FATTORI CHE FANNO OSCILLARE I PREZZI

A Padova il 60% degli automobilisti è in prima classe di merito, il 10% oltre la quattordicesima, mentre le classi intermedie si spartiscono tra il 5 e l’1% ciascuna degli assicurati. Insomma, a pagare meno della media sono in molti, e a far oscillare il prezzo sono diversi fattori. Su oltre 10 mila preventivi effettuati su “Facile.it” nel mese di agosto 2021, in provincia di Padova, il più economico è stato di 117 euro. L’identikit dell’automobilista che risparmia di più? Una donna, in prima classe di merito, che guida una Citroen C3 del 2010. Per quanto riguarda la Rc moto, il calo è ben più contenuto: in provincia di Padova si pagavano, in media, 251 euro un anno fa, e se ne pagano 237 oggi. Ma in questo caso il trend è inverso, perché i prezzi hanno già iniziato a risalire rispetto al minimo toccato a giugno di 223 euro. Possibili segni premonitori anche per il settore dell’auto. —

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi