Contenuto riservato agli abbonati

Scoperto il bazar dei furti merce rubata per un milione: molti colpi sono avvenuti nel Padovano

Il ritrovamento in un capannone di Badia Polesine intestato a un veronese. All’interno mezzi e attrezzi razziati a Campodoro, Terme e Bassa padovana

MASI. Un tesoro da un milione di euro. Vespe, camion, gru, materiale agricolo e di carpenteria, cartelli stradali e attrezzi di ogni genere, persino cartelli stradali. Un vero bazar del furto custodito all’interno di un capannone di Badia Polesine, proprio ai confini con il territorio padovano. Qui dentro finiva merce di ogni genere rubata in mezzo Veneto: certa, ad esempio, è la provenienza da Campodoro di un camion con gru, e da Abano Terme di vari attrezzi da lavoro.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi