Contenuto riservato agli abbonati

Nuova vita a zone degradate, ma l’arte del misterioso Zen fa discutere

Ha disseminato le sue opere a Este e Montagnana: per qualcuno imbratta muri, altri lo apprezzano. «Chi non gradisce i miei graffiti può voltarsi dall’altra parte»

MONSELICE. La street art è una forma di espressione che si sta espandendo nei luoghi pubblici della Bassa padovana, una forma d’arte che a volte divide la sensibilità dei cittadini. Come nel caso di Zen, un misterioso writer che ha fatto la sua prima apparizione lo scorso ottobre nel muro di via Pellegrino nella cittadina della Rocca. Un albero della vita con il tronco nero, dipinto a pennelli con palline colorate che è subito piaciuto a tutti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi