Contenuto riservato agli abbonati

Falso Leonardo da Vinci in vendita a 250 milioni, imprenditore di Cittadella nei guai

Il falso “Ritratto di giovanetto aristocratico” attribuito a Leonardo da Vinci

Il cittadellese Paolo Caron accusato, con due imprenditori veronesi, per la contraffazione di un Leonardo e un Michelangelo

CITTADELLA. Un Leonardo ed un Michelangelo piazzati per 350 milioni di euro, peccato fossero falsi. Tre persone, fra cui l’imprenditore 57enne cittadellese Paolo Caron, devono rispondere del reato di contraffazione di opere d’arte.

Caron, giornalista pubblicista è attivo in vari settori: dall’editoria all’edilizia, all’informatica. Il processo – che oltre a Caron vede imputati Maurizio Andreetto e Pietro Michele Ghezzo, entrambi residenti a Terrazzo, nel Veronese – è iniziato nei giorni scorsi in tribunale a Verona, ma l’operazione era stata avviata – secondo l’accusa – nel 2014, per poi essere scoperta due anni fa grazie all’attività di indagine dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale.

IL

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Juve-Roma, il labiale di Orsato: ''Sui rigori non si dà vantaggio, se poi li sbagliano non è colpa mia''

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi