In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
videosorveglianza

Bassa, potenziata la sicurezza con 17 nuove telecamere

Saranno piazzate a Este, Vo’, Baone, Sant’Elena, Lozzo e Cinto grazie a contributi regionali. Gallana: «In città avremo 95 occhi elettronici»

g.z.
1 minuto di lettura

ESTE

Potenziata la sicurezza nella Bassa padovana con l’arrivo di 17 nuovi punti di videosorveglianza a Este, Vo’, Lozzo, Cinto, Baone e Sant’Elena. Si tratta dei Comuni compresi nel distretto di Polizia Locale Saple che, grazie ad un bando regionale da 71 mila euro, potranno installare i nuovi dispositivi. Nel territorio di Este saranno inseriti tre nuovi punti ripresa, in viale Fiume, in via Cappuccini e nel piazzale della stazione ferroviaria, dove sarà sostituito il punto di ripresa attualmente presente. Il collegamento con la centrale di Polizia locale avverrà in tecnologia wireless su frequenza libera, mentre i punti di ripresa saranno collegati con alimentazione elettrica.

«Sono 92 i punti di ripresa già presenti in città, con un sistema collegato anche con il comando dei carabinieri», spiega il consigliere Giuseppe Raffo. «Si tratta di strumenti ad alta tecnologia, con una camera a più sensori in viale Fiume, per coprire anche le scalette di scavalco del canale Bisatto».

A Vo’ verranno installati invece due nuovi punti di ripresa, così come a Lozzo e a Cinto; 4 saranno le nuove camere e lettori targa a integrazione dell’attuale sistema di videosorveglianza di Sant’Elena e altrettanti a Baone. «La Regione ha previsto l’erogazione di contributi per progetti di investimento volti all’adeguamento tecnologico, tecnico, strumentale, organizzativo e logistico delle Polizie locali, per ottimizzare i propri apparati di sicurezza con tecnologie sempre più all’avanguardia», spiega il sindaco Roberta Gallana. «Il nostro Comune, in qualità di capofila del distretto di Polizia locale Saple, punta a un finanziamento regionale che copre fino al 70% dell’investimento previsto, per un massimo di 50mila euro. Il totale a carico degli enti del Distretto ammonterebbe quindi a 38 mila. È fondamentale continuare a investire risorse sulla sicurezza che è fatta anche di prevenzione e sotto questo aspetto la videosorveglianza è un ottimo strumento». —



I commenti dei lettori