Contenuto riservato agli abbonati

Brt, il piazzale “fuorilegge” di Padova è sequestrato. Stop forzato fino alla messa in sicurezza

Il provvedimento del giudice Lazzarin a nove mesi dall’incidente costato la vita all’autista Maurizio Pengo

PADOVA. Il cantiere dell’incidente mortale è finito sotto sequestro preventivo. È il piazzale del corriere Brt Bartolini, in via Nuova Zelanda 6 a Padova. Il motivo? Carenze strutturali non idonee a garantire una piena sicurezza per gli operatori. Al punto che non sarebbe da escludere un ennesimo infortunio sul lavoro dopo quello pagato con la vita da Maurizio Pengo, 65enne di Piove di Sacco, l’autista dipendente della ditta Bernaudo Trasporti schiacciato e ucciso da un mezzo in manovra il 5 novembre 2020.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi