«Uno strumento importante per raccontare meglio la città»

Entusiasta la referente delle guide turistiche italiane Silvia Graziani 

«È una notizia che ci riempie di orgoglio e di speranza e che oggi, in questo particolare contesto storico ed economico, suggerisce che dall’arte e dalla bellezza si può ripartire. Ci viene dato uno strumento in più, auspicato, che dobbiamo sapere sfruttare per parlare di Padova in Italia e all’estero». Così Silvia Graziani, referente di Gti - Guide turistiche italiane per il Veneto, ha commentato il riconoscimento dei cicli pittorici trecenteschi di Padova come patrimonio Unesco. La chiosa è carica di ottimismo: «Per noi operatori del turismo, che sentiamo l’arte non solo come traino dell’economia ma come modo di vivere e raccontare la città, è un nuovo inizio». —

Video del giorno

Dopo le tartarughine, ecco i delfini: lo spettacolo a Jesolo

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi