Contenuto riservato agli abbonati

Dramma a Battaglia, cade in bici e si infilza la gola: gravissima donna di 59 anni

Dal racconto di alcuni testimoni pare che abbia urtato con la ruota anteriore della bici contro la cordonata del marciapiede e abbia perso l’equilibrio cadendo rovinosamente a terra

BATTAGLIA. Attimi di paura ieri mattina, venerdì 30 luglio,  poco prima di mezzogiorno in centro a Battaglia Terme, dove una turista tedesca ospite per le cure termali a Montegrotto, durante una gita in bicicletta assieme al marito è caduta si è infilzata una delle leve dei freni in gola. Ferita che non le permetteva di respirare. La situazione è gravissima.

Soccorsa dal marito che ha allertato il 118, la signora è stata trasportata con l’elicottero del Suem al pronto soccorso dell’ospedale di Padova.

I sanitari hanno disposto un intervento chirurgico urgente che è stato effettuato a ieri a metà pomeriggio. La prognosi è riservata, decisamente critica. La donna è in pericolo di vita.

La signora, M. O. di 59 anni, quand’è avvenuto l’incidente il marito la precedeva di qualche metro lungo via Terme, la strada stretta e priva di pista ciclabile che costeggia la sponda sinistra del canale Bisatto.

Dal racconto di alcuni testimoni pare che abbia urtato con la ruota anteriore della bici contro la cordonata del marciapiede e abbia perso l’equilibrio cadendo rovinosamente a terra.

Sfortuna ha voluto che la due ruote sia rimasta con il manubrio perpendicolare all’asfalto e questo sarebbe il motivo per cui il freno si è conficcato nella gola della donna che è finita sopra.

L’incidente è avvenuto nelle vicinanze dei gradini di quello che gli abitanti del posto chiamano il Ponte di Ferro, ad un centinaio di metri dall’inizio della pista ciclabile che porta verso Monselice.

l’elicottero suem

Il mezzo aereo ha potuto atterrare a ridosso del parco Ex Inps, a circa un centinaio di metri da dov’è avvenuta la caduta. L’elicottero intervenuto ieri mattina a Battaglia Terme è quello nuovo in dotazione al Suem di Padova dal primo luglio scorso. Un mezzo con più potenza e capacità di carico del precedente AW19. Lunedì scorso sul velivolo è stato montato il verricello, come stabilito dai regolamenti dell’Enac, che favorisce soprattutto gli interventi di recupero di feriti in zone impervie dei Colli Euganei. L’ultimo salvataggio di un biker di Arzergrande caduto lungo il sentiero Della Mola a Galzignano, è stato effettuato con l’elicottero di Treviso Emergenza.

«Si tratta di un mezzo essenziale per gli interventi sugli Euganei», afferma la consigliera regionale padovana Elisa Venturini: «Il dirigente del Dipartimento Regionale Suem 118 mi informa che potrà essere utilizzato una volta completato il percorso formativo ed addestrativo del personale. Sono in corso di acquisizione, da parte dell’Azienda Ospedaliera, tutte le dotazioni tecniche individuali necessarie a medici e infermieri per operare sul verricello; successivamente sarà necessario un corso formativo poiché si tratta di un’attività ad alto rischio non solo per l’operatore che si cala al verricello, ma anche per tutto l’equipaggio”.––

Video del giorno

Yemen, per la prima volta speleologi si calando sul fondo del "Pozzo dell'Inferno" per oltre 110 metri

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi