Contenuto riservato agli abbonati

Comunità di Codevigo in lutto. Addio al suo “gigante buono”, aveva 44 anni

Gianluca Zoppellaro era benvoluto da tutti in paese

Gianluca Zoppellaro lavorava nel bar di famiglia “da Toni”. Operato d’urgenza 2 mesi fa, era in attesa di un trapianto di cuore: il cordoglio sui social

CODEVIGO. Per tutti in paese era il “gigante buono”. È mancato l’altro giorno all’ospedale di Padova Gianluca Zoppellaro, titolare del bar da Toni di via Garubbio. Aveva 44 anni. A tradirlo il suo cuore fragile che da anni lo tormentava e per il quale era in attesa di un trapianto. Lascia la mamma Giuliana e la sorella Miriam.

Lo storico bar, il “Pedrocchino di Codevigo”, lo aveva ereditato da papà Antonio, mancato nel febbraio del 2016 all’età di 73 anni. Gianluca era cresciuto e aveva sempre lavorato in quel piccolo locale a gestione familiare che si trova proprio davanti alla scuola media e che da qualche mese ha abbassato la serranda dopo il suo ultimo ricovero.

Un paio di mesi fa, mentre era al lavoro, era stato colpito da un malore. Soccorso, una volta in ospedale, era stato ricoverato e operato d’urgenza. Un intervento cardiochirurgico transitorio, in attesa appunto di trovare un cuore nuovo per il trapianto. Era ancora ricoverato nel reparto di terapia intensiva perché, dopo la lenta riabilitazione postoperatoria, la sua situazione si era improvvisamente aggravata. Martedì il tragico epilogo.

Zoppellaro, inevitabilmente conosciuto da tante persone per la sua attività commerciale, è descritto in maniera unanime come persona sensibile ed estremante buona, a volte fin troppo. «Un altro pezzo di paese è volato in cielo», lo ricordano sui social i compaesani. «Non c’è nulla da dire per alleviare il dolore dei familiari. Per molti di noi è stato quasi uno di famiglia. Quante chiacchiere, quante partite a carte e quante birre ha aperto a tarda ora perché non sapeva dire di no». «Gianluca, grandissimo amico della famiglia biancorossa e tifoso dei nostri colori», ha invece fatto sapere l’Us Codevigo Calcio, «resterà per sempre nei nostri cuori come parte integrante della nostra società. Riposa in pace Gianluca, per sempre uno di noi». Ancora da fissare il funerale che si celebrerà nei prossimi giorni nella chiesa parrocchiale. 

Video del giorno

La moglie, Elena Panciera, ricorda tra le lacrime il marito Federico Lugato

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi