«Riqualifichiamo l’ex caserma i cittadini ci mettano la faccia»

C’è il progetto, ma ora bisogna metterci la faccia. Ed è questa l’idea di Legambiente che per sostenere la riconversione ecologica della Prandina in un grande parco urbano, cuore di attività micro-imprenditoriali sostenibili e sede di associazioni, ha preparato un pannello davanti alla quale da ieri possono posare i cittadini per farsi una foto da postare sui social con l’hashtag #parcoprandina. L’installazione, che non passa inosservata per i suoi colori accesi, è intitolata “Dalle caserme ai parchi”, come le marce organizzate nel 2014 e nel 2015 da decine di associazioni con l’obiettivo di chiedere la riconversione della caserma e degli altri spazi militari non più utilizzati in città.

«A distanza di sette anni da quelle mobilitazioni», sottolinea Gianna Benucci di Assopace, «siamo ancora qui con tutte le associazioni per ribadire la nostra richiesta: vogliamo che Padova sia una città concretamente sostenibile e di pace. Ci sono ancora spazi da trasformare. L’ex caserma Prandina è uno di quei luoghi che possono essere riconvertiti a favore dei cittadini in un’area di sviluppo culturale, aggregativo, sportivo, a difesa dell’ambiente». E la richiesta - che ieri è stata rilanciata con una foto di gruppo dei rappresentanti di quelle associazioni (undici quelle promotrici, una trentina quelle aderenti) con lo striscione che apriva le marce di sei e sette anni fa - passerà anche per questa nuova iniziativa che chiede ai cittadini di metterci la faccia. «Un modo allegro di sostenere un appello serio», dice Sandro Ginestri, presidente di Legambiente Padova. Il pannello - dipinto da Carolina Blanco, in arte Carolì, artista argentina ma padovana d’adozione e già nota per tante altre sue opere in città, rimarrà a disposizione per tutta l’estate nel parco Cavalleggeri, unica area riqualificata dell’ex caserma. Lì, nel frattempo, anche quest’anno, Legambiente insieme all’associazione Teatro Boxer, alla cooperativa Train de Vie e all’enoteca Evoè, sta portando avanti l’iniziativa Parco Prandina grazie al progetto Spazi Aperti del Comune e ad un finanziamento ottenuto attraverso il bando “Padova riparte con la cultura”, offrendo fino a settembre musica, teatro, giochi per i più piccoli e un punto ristoro. —




Video del giorno

Festival di Salute: interviste e dibattiti per scoprire la nuova normalità del dopo Covid. La diretta da Padova

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi