Contenuto riservato agli abbonati

Maltrattato in carcere a Lugano. Il broker padovano Svizzero scrive al Ministero

Il broker è stato per tre mesi detenuto in Svizzera: «Lì nessuna misura anti Covid»

PADOVA. «Sono stato maltrattato durante la detenzione in Svizzera». Il broker Nicolò Svizzero, quarantaduenne residente in Svizzera e condannato in Appello a due anni e dieci mesi per esercizio abusivo di intermediazione finanziaria. Nei giorni scorsi infatti il broker, difeso dall’avvocato Fabio Crea, ha preso in mano carta e penna e ha scritto al ministero della Giustizia per lamentarsi del trattamento ricevuto durante i quasi quaranta giorni di permanenza nel carcere svizzero.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

A Chioggia il museo sui fratelli Ballarin, assi del Grande Torino. La tragedia di Superga

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi