Padova Urbs Picta, il live streaming per la proclamazione Unesco

Maxischermo nel Palazzo della Ragione per assistere al sigillo dell’organismo internazionale sul ciclo pittorico trecentesco che magnifica Giotto e la sua scuola

PADOVA. E’ il giorno di Padova. Un giorno sognato, desiderato e tenacemente inseguito da anni, grazie a un gruppo di persone e enti che hanno scommesso sulla candidatura dell’Urbs Picta, il ciclo di 3.694 metri lineari di affreschi del Trecento presenti in città.

Seguite qui in diretta la cerimonia di proclamazione del ciclo pittorico come patrimonio mondiale dell’Umanità. E’ la trasmissione in live streming della 44esima sessione del World Heritage Committeee. Padova è l'ultima candidatura da discutere del giorno.

Padova Capitale mondiale della pittura del Trecento. La candidatura non di un singolo luogo, ma di un insieme di realtà è una sfida. Non esistono simili candidature e riconoscimenti nella storia dell’UNESCO.

Al Palazzo della Regione la diretta streaming dei lavori di Unesco e Icomos

Il sindaco Giordani in collegamento da Roma

Otto luoghi unici che raccontano la storia della Padova del Trecento a partire da un capolavoro indiscusso come gli affreschi della Cappella degli Scrovegni di Giotto. Realtà differenti, pubbliche e private, laiche e religiose, unite insieme per continuare a conservare, tutelare, valorizzare e promuovere un patrimonio storico artistico nato dall’ingegno umano per poterlo poi consegnare integro alle generazioni future di tutto il mondo.

Padova verso il sigillo Unesco, ecco come è stato costruito il dossier

La storia

Il grande sviluppo della pittura padovana trecentesca inizia con l’arrivo di Giotto in città dove l’artista fu chiamato intorno al 1302, probabilmente dai frati minori della Basilica di Sant’Antonio su indicazione dei confratelli francescani della Basilica d’Assisi. 

Approfittando del soggiorno di Giotto a Padova Enrico Scrovegni gli commissionò l’opera conosciuta ancora oggi in tutto il mondo come il suo capolavoro e alla quale per tutto il secolo successivo gli artisti attivi a Padova non poterono non guardare - Pietro e Giuliano da Rimini, Guariento di Arpo, Giusto de’ Menabuoi, Jacopo Avanzi, Altichiero da Zevio, Jacopo da Verona - rielaborando in maniera personale e autonoma il linguaggio rivoluzionario portato dal grande maestro fiorentino.

Video del giorno

Festival di Salute: interviste e dibattiti per scoprire la nuova normalità del dopo Covid. La diretta da Padova

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi