Contenuto riservato agli abbonati

Ritrovati a Vighizzolo i resti di un caccia abbattuto nel febbraio 1945

Armati di metal detector e di un occhio raffinato dall’esperienza i “cacciatori” di aerei perduti hanno recuperato tra le bionde stoppe del grano trebbiato da poco ciò che era rimasto del caccia tedesco Messerschmitt Bf 109 

VIGHIZZOLO. Dopo 76 anni il terreno ha restituito solo pochi frammenti ma tanto basta ai volontari di “Aerei perduti Polesine” per dichiarare conclusa anche la ricerca di ciò che è rimasto della battaglia aerea del 12 febbraio 1945.

Armati di metal detector e di un occhio raffinato dall’esperienza, sotto la guida di chi questi posti li conosce a menadito, i “cacciatori” di aerei perduti hanno recuperato tra le bionde stoppe del grano trebbiato da poco ciò che era rimasto del caccia tedesco Messerschmitt Bf 109 al cui comando c’era il sergente maggiore Carlo Cavagliano, dell’Aviazione nazionale Repubblicana.

Colpito

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Le ferite di Vaia sui boschi dell'altopiano di Asiago, viste da un aereo da turismo

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi