Contenuto riservato agli abbonati

Bonus 110 per cento, ufficio in affanno. Arriva la super manager a Cittadella

Olivato proviene dalla Provincia di Treviso, ha operato a Camposampiero. Fu nel mirino dell’Anticorruzione per il doppio incarico di assessore a Castelfranco

CITTADELLA. Turnover a rilento e forte mole di lavoro per il superbonus, a Cittadella arriva l’architetto Petronilla Olivato. Il municipio all’ombra delle mura ha attivato un comando, la professionista arriva dalla Provincia di Treviso e vanta un curriculum notevole: attualmente è responsabile tecnico dell’ufficio urbanistica della provincia trevigiana, nell’Alta Padovana conosce bene Camposampiero, dove ha guidato sia l’urbanistica che l’edilizia privata.

Nel corso della sua esperienza a Camposampiero è finita pure sotto attacco da parte del consigliere di minoranza ed ex sindaco Domenico Zanon, dopo la sua nomina ad assessore esterno a Castelfranco Veneto. A inizio 2018 era intervenuto il responsabile dell’Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone per affermare l’incompatibilità fra i due incarichi. Nella determinazione dirigenziale del Comune che attiva il comando si chiarisce che «il dipendente responsabile dell’ufficio edilizia privata ha un’anzianità di servizio che lo rende prossimo al collocamento a riposo e pertanto l’amministrazione ha espresso l’intenzione di acquisire una professionalità idonea alla sua sostituzione».

L’istituto del comando prevede che le pubbliche amministrazioni «possono utilizzare in assegnazione temporanea, con le modalità previste dai rispettivi ordinamenti, personale di altre amministrazioni per un periodo non superiore a tre anni». Il comando di Olivato è scattato la scorsa settimana e durerà fino a fine dicembre. Di fatto, un periodo di prova. In Comune sono arrivati diversi curricula, alla fine i tecnici hanno ritenuto che Olivato avesse la professionalità di cui ha bisogno Cittadella.

Il sindaco, Luca Pierobon, spiega che l’amministrazione «ha aperto un bando di mobilità e lei ha partecipato, mi dicono sia brava». Perché non si è dato seguito ad una nuova assunzione? «Perché il comando è più veloce di una assunzione, ci sarebbe stato bisogno di un concorso, ci sarebbe voluto qualche mese e poi sicuramente ci sarebbe stato bisogno di costruire il percorso di crescita. Così, invece, siamo già pronti con una persona valida».

Esiste un problema di mancanza di personale? «Manca personale amministrativo», osserva Pierobon, «L’arrivo di Olivato potrà dare una mano importante all’ufficio tecnico». L’assessore competente, Filippo De Rossi, ribadisce che «abbiamo bisogno di rinforzi, in particolare per le pratiche di superbonus e per far fronte a pensionamenti imminenti. Questa professionista potrà fare bene al nostro Comune».

Video del giorno

Yemen, per la prima volta speleologi si calando sul fondo del "Pozzo dell'Inferno" per oltre 110 metri

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi