Contenuto riservato agli abbonati

Fabio Nizzardo racconta la paura in carcere in Indonesia. «Finalmente libero, ero terrorizzato»

Assolto l’imprenditore accusato di corruzione. In festa la famiglia a Brugine

BRUGINE«Finalmente libero»: è un grido di gioia quello di Fabio Nizzardo, l’imprenditore originario di Brugine rilasciato ieri dal carcere dove era detenuto da cinque mesi nell’isola di Flores, in Indonesia. Per Fabio Nizzardo ieri pomeriggio - era mattina da noi - è arrivata l’attesa sentenza di assoluzione dall’accusa di corruzione. Concluse le formalità per il rilascio, Fabio è uscito dal carcere di Kupang: ad attenderlo fuori il fratello Mattia, la sua compagna e il loro figlioletto.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Strage Salvemini, 31 anni dopo: il corteo dei mille studenti

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi