Contenuto riservato agli abbonati

Occupano la casa con i bambini mentre il proprietario è in ospizio: il caso nel Padovano

Le figlie del pensionato denunciano: «Ci è vietato di entrare nell’abitazione di papà che ha firmato un contratto di comodato senza capire quello che stava facendo»

ARZEGRANDE. Non possono entrare nella casa di proprietà del padre 88enne con deficit cognitivi in seguito a un ictus, ricoverato dal maggio scorso in un ospizio perché non più autosufficiente.

Il motivo? La casa, situata ad Arzergrande in via Umberto I° 106, è occupata da una famiglia venezuelana (padre, madre e tre figli piccoli) che, nel gennaio scorso, aveva sottoscritto con l’anziano un contratto di comodato.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi