Contenuto riservato agli abbonati

Sperpera il patrimonio dell’anziana padovana assistita. Condannata ad un anno di carcere

Rosaria Bonuso, secondo una perizia, era malata di shopping.  Per lei è solo l’ennesima condanna di una lunga serie. Si è intascata almeno 64 mila euro

PADOVA. Aveva cercato di proporsi come una seria professionista colpita da una grave crisi depressiva tanto da far confusione come amministratrice di sostegno nella gestione dei patrimoni dei suoi assistiti.

Di fatto la condanna a un anno di carcere (in continuazione con una precedente sentenza a 3 anni e 4 mesi pronunciata dal tribunale di Trieste) inflitta mercoledì pomeriggio a Rosaria Bonuso, 57enne di Vicenza, è solo l’ennesima.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Il primo Airbus A340 atterra in Antartide, l'impresa epocale della Hi Fly apre la via del turismo

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi