Contenuto riservato agli abbonati

Al via il maxi-piano per l’ambiente: a Padova in 9 anni taglio del 55 per cento delle emissioni

Approvato il Paesc del Comune: dal tram al porta-a-porta, agli edifici sostenibili. I 116 interventi a difesa del clima

PADOVA. Oltre cento azioni per ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030. Dalle rinnovabili, fino alla riqualificazione energetica dei palazzi storici della città, dal Gozzi ai musei Eremitani, le scuole, le case Ater e le sedi universitarie. E poi un mix di trasporto pubblico più efficiente, piste ciclabili e un utilizzo ridottissimo delle auto.

Questa la ricetta - in 116 mosse - contenuta nel Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima (Paesc), approvato lunedì scorso in consiglio comunale (senza il via libera dell’opposizione), attraverso il quale l’amministrazione potrà ora pianificare le proprie azioni per raggiungere gli obiettivi fissati dal Patto dei Sindaci per il clima e l’energia per ridurre le emissioni e aumentare l’efficienza energetica,...

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Il primo Airbus A340 atterra in Antartide, l'impresa epocale della Hi Fly apre la via del turismo

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi