Contenuto riservato agli abbonati

Il Comune di Padova cerca ambulanti per vendere gelati nei chioschi dei parchi pubblici

Un bando che riguarda quattro aree verdi cittadine: il parco Iris a Forcellini, il Città dei bambini in via Sant’Eufemia, il parco Perlasca a Città Giardini, e il giardino degli Ulivi alla Sacra Famiglia

PADOVA. Già c’è il fresco del prato e l’ombra degli alberi, cosa servirebbe per rendere ancora più piacevole la sosta in un parco? Forse un buon gelato – si sono risposti a Palazzo Moroni. È nato così il bando «per la somministrazione di gelati e dolci all’interno di alcuni parchi pubblici in cui non è presente un punto ristoro», voluto dall’assessora all’ambiente Chiara Gallani.

Un bando che riguarda quattro aree verdi cittadine: il parco Iris a Forcellini, il Città dei bambini in via Sant’Eufemia, il parco Perlasca a Città Giardini, e il giardino degli Ulivi alla Sacra Famiglia. Per adesso l’avviso è «finalizzato esclusivamente a ricevere manifestazioni di interesse per favorire la partecipazione e la consultazione del maggior numero di operatori economici nel rispetto dei principi di non discriminazione, parità di trattamento e proporzionalità».

Per cui si tratta solo di un avviso esplorativo, la cui candidatura non è impegnativa per nessuno, né per il commerciante né per l’amministrazione. La concessione avrà durata fino al 31 ottobre 2021 e, come da regolamento degli ambulanti, ogni operatore potrà rimanere all’interno del Parco per due ore a scelta dalle 10 alle 19. La rotazione nei parchi sarà definita dal Settore Verde. E per l’utilizzo degli spazi non è dovuto il canone della Cosap. Una buona opportunità cui possono partecipare le società che fanno commercio ambulante. C’è tempo fino al 22 giugno per presentare la propria candidatura, che può arrivare in Comune anche attraverso Pec.

Sono diversi gli operatori che da anni hanno iniziato a portare in giro per i parchi i loro gelati, attraverso furgoncini elettrici o addirittura banchi frigo montati sulle biciclette. Una delle prime è stata “Mami, gelato al volo”, che ha iniziato a sperimentare in città il “gelato itinerante” riprendendo in chiave moderna quella che era un’abitudine in realtà antica e poi persa a favore delle gelaterie fisse. Ma sono diversi gli operatori che oggi hanno ripreso in mano questa modalità che può avere un buon successo visto il numero crescente di padovani che ha iniziato a frequentare i parchi e le aree verdi cittadine. 

Video del giorno

Tamberi medagliato: "Cari padovani, cari veneti, un pezzetto è anche vostro"

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi