Contenuto riservato agli abbonati

Strade chiuse e maxi luminaria, Padova si prepara alla festa del Santo

La maxi luminaria allestita in via del Santo per le celebrazioni del 13 giugno

La città accoglie dopo 369 anni l’avambraccio di Antonio Dalla mezzanotte di sabato rimozione dei veicoli

PADOVA. La città, e non solo, si appresta ad accogliere dopo 369 anni l’avambraccio del Santo ma, nonostante la zona bianca, per il secondo anno consecutivo salta la processione a causa del Covid. Anche senza pellegrini però in città si respirerà comunque l’aria di festa, grazie all’arrivo della reliquia direttamente da Venezia. Nel frattempo l’amministrazione ha già previsto la chiusura di alcune strade per permettere le poche manifestazioni in presenza previste. Tutta la cerimonia invece sarà in diretta online sui canali streaming della Diocesi, indirizzo www.13giugno.org.

SALUTE E GUARIGIONE

Il tema scelto quest’anno per festeggiare il Santo è quello della salute e della guarigione. Per la prima volta dal 1652 rientrerà a Padova la reliquia dell’avambraccio di Antonio, custodita alla Basilica della Salute di Venezia. Ci saranno comunque celebrazioni religiose, momenti spirituali, eventi culturali e concerti per celebrare la figura di Sant’Antonio a cominciare già da domani, quando alle 21 si esibirà il maestro e compositore Giovanni Allevi all’interno della Basilica di Sant’Antonio (già tutto esaurito). Domenica quindi non è prevista né la classica processione, né il momento di condivisione e raccolta con i messaggi del Vescovo e delle istituzioni sul sagrato del Santo. Mentre all’inizio della via a lui dedicata è stata già installata una luminaria che lo raffigura e che ha aperto un dibattito tra i padovani.

GLI EVENTI

Sabato alle 17.45 è previsto il pellegrinaggio delle aggregazioni ecclesiali laicali e Capitolo Cattedrale. Presiederà la liturgia monsignor Agostino Gardin, Vescovo emerito di Treviso, prima del classico transito del Santo previsto alle 20 al Santuario dell’Arcella. Domenica sono previste 11 messe (ogni ora dalle 6 alle 11 e poi 12.30, 15.30, 17, 19 e 21). Il Vescovo Cipolla celebrerà la messa delle 11, mentre un’ora dopo è previsto l’arrivo della famosa reliquia da Venezia a Padova. Sarà accompagnata dal Patriarca di Venezia Francesco Moraglia, dal rettore del santuario della Madonna della Salute, don Fabrizio Favaro, e dai seminaristi di Venezia. Rimarrà esposta fino a domenica 20 giugno, prima di fare ritorno in laguna stavolta via fiume Brenta.

IL SANTO

Una seconda peregrinatio è prevista in città con la tradizionale statua processionale nel primo pomeriggio, ma senza la presenza del pubblico. Il tragitto non prevede soste né cortei ma la statua, scortata dalla polizia locale, viaggerà a bordo della storica auto delle processioni e rientrerà in basilica per la celebrazione della messa solenne delle 17 con padre Roberto Brandinelli.

STRADE CHIUSE AL TRAFFICO

Prevista l’istituzione temporanea del divieto di sosta con rimozione coatta dei veicoli da mezzanotte alle 20 in piazza Del Santo e via Melchiorre Cesarotti, che saranno completamente inaccessibili alle auto dalle 12.30. Anche l’anello pattinabile di Prato della Valle sarà chiuso, per permettere la manifestazione “Padova festeggia il Santo”, ossia una mostra-mercato di prodotti su Antonio.

Video del giorno

Appartamento a fuoco all'Arcella, ecco l'intervento dei vigili del fuoco

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi