Contenuto riservato agli abbonati

Confessa i colpi della sua banda: Curcio chiede il patteggiamento

Furti, rapine e pestaggi di un gruppo di sinti in mezzo Veneto dall’estate del 2020 a fine anno

LEGNARO. Furti, rapine, pestaggi, conditi da incontestabile destrezza e brutale cinismo. Anziani e giovani, italiani e stranieri: la banda degli otto non ha risparmiato alcuna categoria. A “incastrarli” sono state le confessioni di un membro della banda. Che, davanti agli inquirenti, ha snocciolato per filo e per segno gran parte dei colpi, addossando le singole responsabilità agli ex compagni di scorribande.

Video del giorno

Checco Zalone in festa sulla barca dell’oligarca

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi