Martedì sciopero a Padova per il contratto scaduto. Fermi bus e tram

Una passeggera dei bus di linea in città

Mobilitazione nazionale e locale nella stessa giornata. Rosa: «Sicurezza e subappalti, chiediamo una verifica»

PADOVA. Avrà effetti pesanti il doppio sciopero indetto anche in BusItalia per martedì. La mobilitazione degli autoferrotranvieri è stata programmata sia da Cgil, Cisl, Uil, Faisa e Ugl con una valenza nazionale, sia dai sindacati di base territoriali Sls, Sgb e Fast per motivi prettamente aziendali.

Servizio Urbano, suburbano e termale (ossia corse per Abano, Montegrotto e Torreglia): sciopero dalle 8.30 alle 12.29 e dalle 15.30 in poi sia per il tram che per i bus.

Servizio Extraurbano. Dalle 8.30 alle 11.59 e dalle 14.30 in poi. In base allo sciopero nazionale indetto dai confederali, da Faisa ed Ugl, ci saranno disagi anche per gli utenti delle corriere dell’Actv, della trevigiana Mom e della vicentina Svt, che gravitano su Padova.

I mezzi pubblici dell’Actv che fanno servizio tra Padova Autostazione e Venezia piazzale Roma, via Riviera del Brenta, saranno garantiti solo dalle 6 alle 8.59 e dalle 16.30 alle 19.29.

«Il motivo principale del nostro sciopero è il rinnovo del contratto nazionale di lavoro, scaduto da tre anni», osserva Andrea Rizzo, della segreteria Filt-Cgil.

«Abbiamo già scioperato l’8 febbraio e il 26 marzo, ma le controparti continuano a fare orecchie da mercante. Eppure le aziende hanno già ricevuto dallo Stato una valanga di quattrini. Invitiamo a scioperare compatti perché questo è un momento di lotta molto importante».

I confederali, martedì, dalle 11 alle 12, terranno anche una manifestazione in via Rismondo davanti al deposito dei bus. Diverse le motivazioni dei sindacati di base, che, sempre domani mattina, dalle 9 alle 12, terranno un altro sit in di protesta. «BusItalia continua a non ascoltarci», spiega Vittorio Rosa, segretario di Sindacato, Lavoro e Società.

«I motivi della nostra mobilitazione riguardano la sicurezza dei mezzi, dei lavoratori e degli utenti, la precarietà, la differenza salariale tra lavoratori del servizio urbano ed extraurbano e chiediamo una verifica sui criteri e sulle condizioni del subappalto».

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Klopp sul Newcastle al fondo saudita: "Preoccupato per i diritti umani ma nessuno dice nulla"

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi