Contenuto riservato agli abbonati

L’Hotel Palace venduto all’asta. Per la “torre maledetta” 615 mila euro al decimo tentativo

L'Hotel Palace quando era uno dei più famosi dell'Alta padovana

Svolta dopo 8 anni, potrebbe essere la fine dell’odissea per la struttura che è stata teatro di tragici fatti di cronaca

CITTADELLA. Una vendita all’asta diventata letteralmente un’odissea, ma al decimo tentativo sembra aprirsi un’opportunità: aggiudicato all’asta l’hotel Palace in Borgo Vicenza a Cittadella. Gli acquirenti hanno dato l’ok per la somma di 615 mila euro, i dettagli dell’operazione e le prospettive di investimento non sono ancora chiare, ma è evidente che potrebbe determinarsi una svolta vera dopo otto anni di tentativi andati a vuoto.

L’intervento di un investitore appare sempre più urgente, è necessario dare una seconda vita ad una struttura sempre più abbandonata al degrado, priva di prospettiva, un monumento triste ai fasti passati.

Nella decima asta si partiva sempre da una base di 554 mila euro, con un’offerta minima fissata a 415. 500 euro. Il prezzo – anno dopo anno – è crollato, all’inizio si puntava a chiudere sopra i 2 milioni di euro, il Palace era valutato come un immobile di prestigio, era un riferimento per i soggiorni all’ombra delle mura.

Il passaggio numero nove era finito nel deserto delle offerte, nessuno interessato, e tutto rinviato a questo decimo tentativo.

Non si tratta del primo spiraglio, del primo barlume di speranza: a marzo del 2019 i giochi sembravano fatti e si iniziava a tirare un sospiro di sollievo, c’era stato un acquirente.

Il problema – non esattamente un dettaglio – è che non aveva saldato il conto. E quindi ogni passaggio era rimasto sostanzialmente sulla carta. Una prima assegnazione c’era stata pure a novembre del 2017, fermatasi però solo all’acconto.

Una struttura imponente, quella del Palace, sviluppata su 10 piani, con un ristorante al piano terra di oltre 500 metri quadrati, un’autorimessa con 20 posti e un’area coperta e scoperta di pertinenza di 6. 400 metri quadrati.

L’edificio al confine con Fontaniva era comodissimo per chi voleva raggiungere il centro e l’architettura non passava inosservata: un vero e proprio grattacielo. Nel tempo però l’area si è degradata: il Comune è stato costretto ad intervenire per mantenere un minimo di decoro e si è dato seguito anche a diversi sopralluoghi di carabinieri e polizia locale per allontanare sbandati.

Il Palace è stato teatro di drammatici gesti: durante la fiera Franca del 2008, mentre la struttura era ancora funzionante, un diciassettenne si lanciò nel vuoto per una delusione d’amore. Qualche anno dopo, invece, una quattordicenne di Fontaniva decise di farla finita abbandonandosi e morendo dopo un volo di 40 metri.

Ad inizio del 2017 si alzò l’attenzione per una moda in voga tra i giovanissimi: eludevano divieti e recinzioni e correvano sulle scale per immortalarsi in selfie da brivido. I controlli si sono fatti più serrati e si sono evitati blitz rischiosi.

Video del giorno

Roma, stazione Termini: poliziotto spara alle gambe di un sospetto durante un fermo

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi