Quindicenne in coma etilico, chiuso per un mese il bar Corallo di Monselice

I fatti erano accaduti nel pomeriggio del 8 maggio scorso quando  due baristi di nazionalità cinese avevano servito alla ragazzina 10 shottini di vodka provocandone la perdita dei sensi

MONSELICE. I carabinieri di  Monselice hanno dato esecuzione al provvedimento, richiesto al Questore, di chiusura del Bar Corallo, locale dove lo scorso sabato erano stati somministrati superalcolici a una ragazza di età inferiore ai 16 anni che, a causa della massiccia assunzione di alcol, aveva perso conoscenza necessitando un ricovero all’ospedale di Schiavonia.

I fatti erano accaduti nel pomeriggio del 8 maggio scorso quando i due cinesi avevano servito alla ragazzina, 15 anni, 10 shottini di vodka provocandone la perdita dei sensi.

Per questo erano stati denunciati per somministrazione di bevande alcoliche a minore dei 16 anni i baristi cinesi: L.V. 53 anni titolare di un bar del centro e Z.S. 56 anni, il barista. Ora il provvedimento di chiusura

Video del giorno

Appartamento a fuoco all'Arcella, ecco l'intervento dei vigili del fuoco

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi