La polstrada recupera tre cani fuggiti, erano già entrati in autostrada a Padova

Gli animali di grossa taglia avevano il microchip. Erano fuggiti da casa grazie ad un cancello lasciato aperto. Il proprietario sarà sanzionato per omessa custodia

PADOVA. La Polizia di Stato, con gli uomini e le donne della Polizia Stradale è da sempre impegnata in materia di sicurezza stradale. Avrebbe potuto tramutarsi in un dramma la fuga di tre cani di grossa taglia. Per fortuna gli agenti della Polizia Stradale sono riusciti a fermare i tre animali, prima che potessero causare “grossi guai” agli automobilisti in transito lungo l’autostrada A4 “Serenissima”. La pattuglia della Polizia Stradale di Padova, lunedì mattina verso le 8, mentre si trovava a transitare nei pressi del casello autostradale di Padova Ovest, veniva allertata dal personale della società autostradale, per la presenza di tre cani di grande taglia che si aggiravano tra il casello autostradale e gli spiazzi erbosi adiacenti le corsie dell’autostrada.

Visto l’orario del lunedì mattina il traffico lungo l’autostrada era particolarmente intenso. Gli operatori, una volta scesi dal veicolo di servizio, cercavano di avvicinarsi ai tre animali che, in maniera docile, rispondevano ai richiami. Appena ripresi gli animali in qualche modo, vista anche la loro mole, venivano portati al sicuro nei pressi dei locali del casello autostradale dove, oltre ad accudirli, gli agenti avevano cura di dissetarli.

Si è richiesto poi l’intervento del servizio veterinario dell’Usl di Padova che, una volta giunto con gli operatori, identificava a mezzo del microchip, il proprietario dei cani, un padovano che veniva  contattato telefonicamente e fatto arrivare per recuperare gli animali.

Arrivato al casello autostradale, S.P. di 56 anni, spiegava che gli animali erano scappati dal recinto di casa, molto probabilmente già dalla notte, in quanto uno dei figli aveva lasciato, inavvertitamente aperto il cancello la sera prima.

Nella mattina, appena accortosi di quanto avvenuto, si era messo alla ricerca dei tre cani nelle vicinanze della propria abitazione e lungo via Po, ma non aveva avuto riscontro positivo. La Polizia Stradale di Padova, in collaborazione con il personale veterinario dell’Usl, stanno effettuando ulteriori accertamenti per verificare la sussistenza di sanzioni amministrative, o più gravi penali, per il reato di ommessa custodia di animali (art. 672 Codice Penale) a carico del padrone dei cani.

Video del giorno

Vitiligo, la malattia in "mostra" nel cortile pensile di palazzo Moroni a Padova

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi