Rievocazione fascista La protesta dell’Anpi

CODEVIGO

Anche quest’anno ha fatto discutere l’omaggio alle vittime dell’eccidio del 1945 che si è tenuto al sacrario del cimitero con una cerimonia organizzata dai componenti del gruppo “Continuità ideale”.


«Ancora una volta» ha detto l’Anpi di Padova «si è svolto un raduno di nostalgici neofascisti con l’ostentazione di bandiere della Rsi e striscioni con scritte “Onore ai camerati caduti”, chiara manifestazione di oltraggio alla nostra Costituzione e alla memoria delle vittime del nazifascismo. Per anni l’Anpi di Padova ha chiesto all’allora prefetto di impedire la manifestazione. Un fatto storico ricordato dal film “Il segreto di Italia” del regista padovano Antonello Belluco, uscito nel 2014, pieno di omissioni e falsità. Ricordiamo poi l’intitolazione nel 2018 di una via ai “Martiri di Codevigo” da parte della giunta di destra del Comune di Selvazzano Dentro. In un post di uno dei partecipanti alla “commemorazione» si ringrazia poi il Comune che ha permesso la celebrazione ufficiale di questa importante ricorrenza.

Fatto ancor più grave e inquietante. «La manifestazione» ha ribadito secco il sindaco Francesco Vessio «è stata autorizzata dalla Questura. La mia partecipazione? Come gli altri anni siamo stati invitati. Per la nostra amministrazione i defunti non hanno colore politico». ––

AL. CE.

Video del giorno

Calcio, prima categoria Piemonte: allenatore rifila un pugno all'arbitro in campo

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi