In moto sbanda in curva si schianta su un muro e finisce in un fossato

Ventiseienne salvato dall’annegamento, è grave in ospedale Le grida d’aiuto raccolte dai fedeli intenti a recitare il rosario 

trebaseleghe

Quelle urla di aiuto provenire dal fossato, avevano attirato l’attenzione di un gruppo di fedeli intenti a recitare il rosario.


Lì dentro, con appena la testa fuori, ferito e infreddolito, c’era un giovane, finito fuoristrada con la sua moto. Dopo i soccorsi, lo hanno portato in ospedale a Mestre in gravi condizioni per le ferite subite ma non corre pericolo di vita. Di certo, poteva andargli peggio, vista la dinamica, perché è finito contro un muretto di un passo carraio.

L’incidente è avvenuto mercoledì poco prima delle 21.30 in via Castellana a Scorzè, all’altezza del civico 84. Il centauro è un 26enne di Silvelle di Trebaseleghe e ha fatto tutto da solo: al momento non ci sono altri automobilisti o centauri coinvolti. Viaggiava in direzione Trebaseleghe e ha perso il controllo in un tratto di strada con delle curve.

Dopo aver urtato il guardrail alla sua destra, il ragazzo è finito dentro a un fosso pieno d’acqua, mentre la moto ha proseguito la sua corsa in piedi per un centinaio di metri. Delle persone stavano recitando il rosario e hanno sentito urlare «Aiuto, aiuto» e si sono preoccupate.

I residenti hanno iniziato a chiamarsi l’uno con l’altro finché sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, i medici del Suem e una pattuglia della Radiomobile di Mestre.

Il 26enne aveva il corpo sott’acqua e i pompieri lo hanno riportato in superficie, mentre i soccorritori lo hanno caricato in ambulanza e trasferito d’urgenza all’Angelo di Mestre. Per fortuna è sempre stato cosciente ma nell’urto ha riportato diverse fratture. «In un primo momento» rivela una delle donne che stava recintando il rosario «non ci pareva qualcosa di grave. Avevamo sentito un colpo ma non era stato neppure troppo forte. Inoltre si udiva chiaro il rumore di una moto che si allontanava verso Trebaseleghe. Ma poco dopo abbiamo sentito le richieste d’aiuto più volte e siamo accorsi. Così abbiamo trovato il ragazzo in acqua e con una gamba fratturata e il viso appena fuori».

Per almeno un’ora e mezza, un tratto di Castellana è stato chiuso al traffico per consentire ai militari dell’Arma di fare i rilievi. I veicoli sono stati deviati su altre strade. —

Alessandro Ragazzo

Video del giorno

Calcio, prima categoria Piemonte: allenatore rifila un pugno all'arbitro in campo

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi