Contenuto riservato agli abbonati

Cinque anni e mezzo per stupro: è stato condannato Enrico Mabiglia

Il palazzo di giustizia di Padova

La sentenza: incastrato dalle tracce organiche compatibili con il suo Dna. Violenza nel 2015, fu denunciato dalla vittima, una compaesana morta nel 2017 

FONTANIVA. Condanna a cinque anni e sei mesi di carcere, con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, per Enrico Mabiglia, il trentaduenne di Fontaniva finito a processo per aver stuprato una compaesana con alcune fragilità, seguita dai Servizi sociali e morta nel settembre 2017.

La sentenza è stata pronunciata ieri dal tribunale di Padova (presidente il giudice Vincenzo Santoro) che ha ritenuto l’imputato responsabile dei reati di violenza sessuale, violazione di domicilio e lesioni personali aggravate.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Cherchi: ex della Mala del Brenta invecchiati ma ancora molto pericolosi

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi