La padovana Sara è l’ex di Argentero in “Doc 2”: «E stavolta in corsia c’è il Covid»

L’attrice Sara Lazzaro di nuovo nel cast di “Doc” (foto di Francesco Guarnieri)

L’attrice torna a maggio sul set per le riprese della fiction di Rai 1. «A noi il compito di raccontare l’umanità di chi in questi mesi è in prima linea»

PADOVA. Per la gioia dei fan di “Doc: nelle tue mani”, la famosa medical fiction di Rai 1 da 8 milioni di spettatori, a maggio cominceranno le riprese della seconda stagione. E tornerà in corsia anche l’attrice padovana Sara Lazzaro nei panni di Agnese, direttrice sanitaria dell’ospedale ed ex moglie del protagonista Doc, interpretato da Luca Argentero.

«Il ritorno sul set per me sarà un doppio appuntamento», svela Lazzaro, «sia con gli attori del cast, tra cui il padovano Pierpaolo Spollon, sia con il mio personaggio, Agnese, un ruolo complesso e stratificato, che intreccia l’autorevolezza dell’incarico professionale con la sensibilità di una madre che ha subito la perdita di un figlio piccolo, una donna piena di sfumature, forte e determinata ma anche fragile e irrisolta, che il pubblico ha conosciuto e amato nella prima serie, e che in questa seconda mi darà la possibilità di andare ancora più a fondo nei suoi sentimenti».

Doc 2” sarà ancorato all’attualità, andando a rappresentare sia la vita ospedaliera sia quella privata dei protagonisti. «Dovremo riallinearci con una nuova atmosfera nei reparti», continua l’attrice, «perché nelle prossime puntate si parlerà anche del Covid 19, quindi faremo una preparazione su come funzionano adesso gli ospedali, mantenendo comunque a livello narrativo tutte le linee umane dei personaggi. Durante la messa in onda della prima stagione molti sanitari ci ringraziarono per la nostra rappresentazione dell’ambiente medico oltre alla professione, perché sotto al camice ci sono persone con una loro vita. Il contesto della pandemia lo abbiamo sperimentato tutti in modo personale, con momenti di sconforto e resilienza, cercando strategie per andare avanti, e ci riconosceremo nell’umanità dei personaggi di “Doc 2” in un passaggio così drammatico».

Passaggio che ha segnato un annus horribilis per la cultura, con i cinema e teatri chiusi, ma che Sara Lazzaro è riuscita a sostenere portando avanti progetti significativi nell’ambito delle produzioni audiovisive, che hanno trovato spiragli per aprire i set in sicurezza.

Come quello di “Volevo fare la Rockstar 2”, serie di Rai 2 con Giuseppe Battiston e Angela Finocchiaro, che ha visto la fine delle riprese a Gorizia in febbraio e andrà in onda in autunno. «Tornare su questo set per la seconda stagione è stato come tornare a casa», spiega Lazzaro, «il regista Matteo Oleotto spinse molto per avermi nella parte di Daniela, l’amica della protagonista Olivia, Valentina Bellè, ed è stata la prima volta che ho fatto commedia in televisione con un ruolo importante, sfoggiando la mia ironia e il mio lato comico».

Sul grande schermo invece vedremo l’attrice con Andrea Pennacchi sia nel documentario “Operazione Pluto” di Renzo Carbonera che in “Welcome to Venice” di Andrea Segre, e tra i protagonisti del nuovo film di Paolo Virzì “Siccità”.

«È un onore essere diretta da Virzì in questa Roma dove non piove da tre anni», chiude, «e dove s’intrecciano le vite di vari personaggi, entrando a far parte di un cast stellare di attori, tra cui Monica Bellucci, Valerio Mastandrea, Silvio Orlando, Claudia Pandolfi, e il veneziano Diego Ribon. Anche se la televisione e il cinema mi danno grandi soddisfazioni, sogno di tornare a teatro, perché mi manca l’istantaneità del “qui e ora” con il pubblico». —
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi