Università di Padova, incarico da 120 mila euro per gli 800 anni del Bo

Il cortile antico del Bo

L’agenzia Comin seguirà la comunicazione. Venerdì inaugurazione dell’anno accademico in streaming con il ministro Messa

PADOVA. «L’Università non si ferma». La transizione tecnologica che ha spostato online gran parte delle attività dell’ateneo è stata cruciale per permettere al Bo, così come a tutte le università del mondo, di non interrompere mai la didattica. Per questo anche quest’anno il motto con cui l’ateneo inaugura il 799esimo anno accademico – in una veste, quella della diretta streaming, che oggi sembra meno straordinaria rispetto a un anno fa – guarda sì al passato recente, ma ancora di più al futuro.

Il Covid non ferma il Bo

«È un messaggio forte che vogliamo ribadire anche un anno dopo – ha detto il rettore Rosario Rizzuto, giunto all’ultima inaugurazione del suo mandato –Non ci siamo mai fermati: abbiamo continuato a fare lezione, in presenza quando si è potuto, a far svolgere laboratori, esami, lauree».

L’appuntamento è per venerdì 16 aprile, alle 15, in diretta dall’aula magna del Bo. Interverranno la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati, la ministra dell’Università Maria Cristina Messa (già rettrice dell’Università di Milano-Bicocca) e il presidente della Crui, la Conferenza dei rettori delle università italiane, Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano.

«Voglio sottolineare il tema della lectio magistralis, che sarà tenuta da Marco Mascia – ha aggiunto Rizzuto – I diritti umani, valore fondante del nostro ateneo, in questo momento più che mai al centro della nostra attenzione. Si chiude così simbolicamente un percorso aperto durante la mia prima inaugurazione di anno accademico, sei anni fa, dedicata alla memoria di Giulio Regeni».

Consulenza da 120 mila euro

E proprio nell’avvicinamento alle celebrazioni per gli 800 anni dell’ateneo, il Bo potrà continuare a fare affidamento sul contributo dell’agenzia di comunicazione “Comin & Partners”.

A giugno dello scorso anno l’ateneo aveva stipulato con l’agenzia di Gianluca Comin un accordo da 60 mila euro, della durata di sei mesi, finalizzato al potenziamento della reputazione e della riconoscibilità dell’ateneo, alla promozione delle sue eccellenze e al rafforzamento della sua attrattività verso i nuovi studenti. Operazione che doveva servire anche a promuovere le iniziative di sostegno economico per gli studenti, nell’ottica di evitare un calo delle immatricolazioni.

Anche in vista delle iniziative per gli 800 anni, e in virtù del valore simbolico della ricorrenza, la partnership proseguirà per altri 12 mesi, con una spesa di 120 mila euro, alla quale contribuirà – così come era stato per l’accordo dello scorso anno – anche la Fondazione Unismart. —
 

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi