Traditi da un divieto di transito Smascherata la “banda” dell’asfalto

BORGO VENETO

Pensavano di passare inosservati ma la violazione di un divieto di transito li ha traditi: è così che mercoledì mattina gli agenti e il nuovo comandante della Polizia locale di Borgo Veneto, Rinaldo Brega, hanno smascherato la banda della “truffa dell’asfalto”. L’infrazione al codice della strada, avvenuta nella frazione di Santa Margherita d’Adige in via Umberto I, è costata cara a D. B, quarantenne irlandese e conducente dell’autocarro, e a B. L., operaio ventenne di nazionalità marocchina, entrambi fermati dalla Polizia locale di Borgo Veneto durante quello che doveva essere un normale controllo di routine.


I due erano diretti a Milano a bordo di un camion con targa francese e stavano trasportando un rullo compressore, un piccolo escavatore meccanico e dell’asfalto, merce di cui però non erano in grado di esibire la relativa documentazione. Anche grazie alla collaborazione con la stazione dei carabinieri di Borgo Veneto, gli agenti della Polizia locale sono riusciti a risalire all’organizzazione illecita di cui i due malviventi fanno parte: si tratta di truffatori nomadi che hanno già colpito in tutto il Nord Italia. Con mezzi e macchinari obsoleti e inefficienti, si propongono ad anziani e artigiani per svolgere lavori di asfaltatura nelle abitazioni a prezzi apparentemente convenienti, con la scusa dell’uso di asfalto avanzato da lavori pubblici, in realtà inesistenti e mai eseguiti.

Una volta incassato in contanti l’importo dovuto, effettuano il lavoro in modo approssimativo ed insufficiente e si rendono poi irreperibili per chiunque cerchi spiegazioni sul lavoro eseguito male. Numerose le sanzioni nei loro confronti: l’operaio marocchino a seguito degli accertamenti è risultato clandestino e quindi denunciato, mentre il conducente è stato sanzionato per il transito in divieto e per irregolarità del mezzo. Anche i capi della banda, tutti cittadini rumeni, sono giunti sul posto una volta venuti a conoscenza del controllo. Anch’essi sono stati immediatamente identificati e segnalati ai carabinieri per ulteriori accertamenti. Il sindaco di Borgo Veneto, Michele Sigolotto, ha voluto mettere in guardia la popolazione: «Raccomandiamo ai cittadini di Borgo Veneto di diffidare da chi si dovesse proporre per eseguire lavori di asfaltatura a prezzi vantaggiosi e di gran lunga inferiori a quelli di mercato dicendo di avere del bitume avanzato da altri interventi: in caso di dubbi, segnalare immediatamente il fatto ai carabinieri o alla Polizia locale». —



Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi