«Si tratta a oltranza nella notte Pronti anche i Corpi speciali»

SANTA GIUSTINA IN COLLE

«Stanno organizzando i turni per la notte, si va a trattare ad oltranza. Probabilmente tenteranno un’incursione durante la notte o domani mattina presto quando il paziente crollerà dal sonno». È quanto dichiarato ieri sera sul tardi dal sindaco Moreno Giacomazzi: ha seguito la vicenda tutta la giornata andando avanti e indietro tra il municipio e la vicina via Dante. È il primo trattamento sanitario obbligatorio che Giacomazzi si è trovato a firmare per il compaesano. Ma è almeno il quarto che interessa il sessantunenne. L’ultimo quattro anni fa, anche allora fu molto complicato.


«Quanto accaduto era inaspettato» ha detto il sindaco «non avendo dato problemi particolari ultimamente, l’agente della polizia locale è entrato in casa. Si era avuta l’impressione che fosse un Tso normale perché i vigili sapevano che usava barricarsi, però non pensavano che arrivasse a questo punto. Gli agenti sono entrati convinti di un ricovero normale ma lui ha aperto respingendo con un forcone il poliziotto. Da lì si è capito che non sarebbe stata cosa semplice ed è scattata la mobilitazione con una trentina di persone tra carabinieri, pompieri, polizia locale e protezione civile». I volontari di protezione civile hanno supportato gli operatori che presidiavano la zona portando loro panini e bevande. «Come amministrazione apprezziamo il tempestivo e ben coordinato intervento, portato avanti con il rispetto per la vita umana» dice Giacomazzi «andato in crescendo e chiamando chi era opportuno chiamare come alcune forze speciali. Purtroppo è stato necessario chiudere la strada per un giorno intero con disagi per la popolazione e gli automobilisti». L’auspicio del sindaco è che la vicenda si risolvesse durante la notte senza che nessuno rimanesse in qualche modo ferito. —

G. A.

Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi