Maltratta la moglie allontanato da casa il marito-padrone

abano terme

«Sono andato a vederla. ..Mi hanno dato la figlia... non l’ho trovata vergine... l’ho portata a lavorare in un bar poi l’ho tolta dal lavoro e l’ho tenuta 8-9 mesi senza lavorare... poi mi sono detto provo a mandarla un’altra volta al lavoro». Ecco come un 44enne albanese, residente ad Abano, ricostruisce in una lettera la storia con la moglie trattata come “un capo di bestiame” di sua proprietà, scrivono il giudice e il pm. Una moglie vessata, umiliata, costretta a vivere un inferno domestico di botte (tanto da finire due volte in ospedale nell’estate 2020) e di umiliazioni continue. Una lettera riportata nel provvedimento con il quale il gip Domenica Gambardella ordina l’allontanamento dell’uomo dalla casa familiare con il divieto di avvicinarsi all’ormai ex consorte accogliendo in pieno la richiesta del pm Sergio Dini titolare dell’inchiesta per maltrattamenti. All’epoca del matrimonio, il 25 agosto 2006, la donna ha appena compiuto 18 anni. «Eravamo insieme da un anno», aveva scritto lei nella denuncia contro il marito-padrone, «e già durante il fidanzamento lui era geloso e c’era stata un’aggressione fisica». Dopo le nozze, il trasferimento in Italia ad Abano dove nascono i figli. Ma da subito la vita insieme diventa insopportabile. «Ero in un totale stato di soggezione per timore della mia incolumità, abituata a sentirmi dire che non valevo nulla, che non sapevo fare né la madre né la moglie, che ero una prostituita... A volte mi sentivo di meritare di essere maltrattata da mio marito». Dalle violenze psicologiche a quelle fisiche il passo è breve. «Un giorno è venuto in salotto con una cintura in mano e ha iniziato a colpirmi dicendo che, se non avevo voglia di andare a letto con lui, ci sarei dovuta andare lo stesso». Per diverse volte la donna era stata costretta a lasciare il lavoro.


«I momenti in cui ho vissuto tranquilla? Quando stavo zitta e obbedivo», aveva ancora denunciato. «Diceva che lui era l’uomo, io la donna di casa e non possono esserci due galli in un pollaio. E io da gallina non avevo nulla di cui lamentarmi». —



Vellutata di asparagi al latte di cocco

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi