Lo strazio della mamma distrutta

A destra la mamma Denada piange invocando il nome di Alessio Bariamcanaj, il suo unico figlio, mostrando la foto conservata nel cellulare e urlando: «È stata colpa mia». A sinistra una bella immagine di Alessio, sopra la moto Yamaha 125 sequestrata, sotto un altro scatto del 18enne con la maglia dell’Union Dese.

FOTO SERVIZIO PIRAN




Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi